Saturday, 02 September 2017 14:05

La Meseta

La Meseta è un vastissimo altipiano con un’altitudine media tra i 600 e i 900 m che occupa la parte centrale della Spagna. L’altipiano è diviso in due regioni chiamate Vecchia Castiglia (a nord) e Nuova Castiglia (a sud). E circondata da un cordone di rilievi montuosi: a n0rd la Cordigliera Cantabrica, a est la Cordigliera Iberica e i monti di Cuenca, a sud la Cordigliera Betica e la Sierra Morena, a ovest i monti del Portogallo. Questi monti isolano la Meseta dalle coste ostacolandone in tal modo le vie di comunicazione, e la escludono dall’influenza benefica del mare e dei suoi venti umidi. Infatti il clima dell’altipiano è tipicamente continentale, caratterizzato da inverni lunghi e rigidi e da estati torride. Un proverbio spagnolo dice: «Nove mesi d’inverno e tre mesi d’inferno». || suolo, per lo più stepposo e con scarsa vegetazione spontanea, viene sfruttato in due modi: per l’allevamento delle pecore «merinos», che producono lana in abbondanza, e per la coltivazione di cereali. D’estate, quando gli altipiani non offrono più erba per i pascoli, le greggi vengono portate sui Pirenei o sui Monti Cantabrici e d’inverno ridiscendono verso la Meseta. La coltura dei cereali viene praticata con metodi antiquati ed ha scarsa redditività. Le regioni più fertili si concentrano ai piedi delle montagne. Le difficoltà dell’agricolturasono dovute all’aridità del terreno e aggravate dal selvaggiodisboscamento, awenuto nel corso dei secoli per costruire le navi della flotta spagnola e portoghese nell’epoca d’oro delle conquiste coloniali, dal permanere del latifondo e dalla scarsa irrigazione. l grossi centri sono raggruppati nelle zone dove vi è una maggiore quantità d’acqua disponibile. Madrid è situata proprio nella Nuova Castiglia, regione meridionale della Meseta; altre importanti città sono Valladolid, dove mori Cristoforo Colombo, Salamanca e Toledo.